SPEDIZIONE GRATUITA IN TUTTO IL MONDO ASSICURATA
Gold Florentine Jewelry

Monete d'oro fiorentino

Una panoramica completa

DISCOVER COINS OF FLORENCE
gold florin florentine coin italy

Torrini 1369 was the first jewelry store in Florence to offer original replicas of the ancient Florentine coins. In the thirteenth century, with the birth of the gold Florin, the women at the time wore it as a necklace with great pride. In fact, this coin was the symbol of Florence's wealth in the past.

Le monete di Firenze

gold florin coin florence torrini 1256

Gold Florin 1256

DISCOVER GOLD FLORIN
gold florin coin florence torrini 1369

Gold Florin 1369

DISCOVER GOLD FLORIN
gold florin coin florence torrini 1427

Gold Florin 1427

DISCOVER GOLD FLORIN
gold florentine coin florence jewelry quarter florin torrini

Quartiere di Florin

DISCOVER QUARTER OF FLORIN
double two gold florentine coin florin florence jewelry torrini

Doppio Fiorino d'Oro

DISCOVER DOUBLE GOLD FLORIN
ongaro Livorno gold florentine coin florin florence jewelry torrini

Ongaro di Livorno

DISCOVER ONGARO
gold florentine coins mint coin florence torrini

Monete d'oro fiorentino

These are the Florentine coins that have marked the history of Florence, with surprising allegories and legends.

These coins are minted in pure 24 kt gold, very much alike to the originals of the time, many Masters of the Mint are unknown to us because many documents were lost in time.

gold florin coin florence torrini 1369

Gold Florin 1369

Year 1369 – Gold Florin (known as Narrow Florin) –Diameter 18mm, Weight 3.50gr. – Mint Master Simone Peruzzi.

Florence in 1369. The Master of Mint, Simone Peruzzi, coined the Florin in pure gold in the period of the "Thin Florin", the reason for which the coin had a diameter of 18mm.

Subsequently, the Florentine Republic decided to enlarge the gold Florin to 21mm in diameter, without changing its weight, in order to give more dimension to the coin. In the same year, our ancestor, Jacopus della Scarperia, registered the historic Torrini trademark at the State Archives in Florence.

The Gold Florin marks the end financial and social turmoil that occurred previously in Florence due to tragic events such as famine and the Black Death. A gold Florin for hope and rebirth. Its value grew through out the years by 30%, in comparison to the coins used normally and daily.

DISCOVER GOLD FLORIN
gold florentine coin florence jewelry quarter florin torrini

Quartiere di Florin

End of the XIV century –Quarter ofFlorin – Diameter 12mm, Weight 0.83gr. – Unknown Mint Master.

The Quarter of Florin was coined by a Master of Mint at the end of the XIV century and was continued to be used by the Republic of Florence until the beginning of the XV century.

This coin was created when the Gold Florentine Coin of 1252 had doubled the value of the Lire. During this period Carlo di Valois expelled Dante Alighieri from the territory of the Florentine Republic.

After the severe famine and Black Plague of the first half of the 14th century, which decimated the population of Florence.

The Quarter of Florin represents the growth of the economic activities linked to wool, consumption and the investments in Art.

DISCOVER GOLD FLORIN
double two gold florentine coin florin florence jewelry torrini

Doppio Fiorino d'Oro

Year 1504 – Double Gold Florin – Diameter 28mm, Weight 6.98gr.– Mint Master Lorenzo Guidetti.

In 1504, the Master of Mint Lorenzo Guidetti coined the "Double Gold Florin”. The Secretary of the Florentine Republic was Niccolò Machiavelli; establishing monetary tensions of that period that lead to the end of the Republic and the rise to power of the Medici family.

In 1504, the gold Florin was equivalent to over 5 Lire and this double gold Florin partially covered Florence's incessant need for capital.

Pope Leo X disbursed half a million gold florins for the war against the Duke of Urbino in order to favor Lorenzo "Il Magnifico" de Medici. The "Double Gold Florin" was a coin minted in pure gold with a 28 mm diameter.

DISCOVER DOUBLE GOLD FLORIN
ruspone gold florentine coin florin florence jewelry torrini

Gold Ruspone

Year 1724 – Fiorino Gigliato (known as Ruspone) – Diameter 27mm, Weight 10.46gr. – Unknown MintMaster – Period of Gian Gastone de Medici 1723-1737

The extinction of the Medici family with its last descendant, Gian Gastone, is represented with this coin, called the “Florin lily” or “gold Florin of three” most commonly called "Ruspone".

This coin has a curious story: every weekend Gian Gastone would gift a “Ruspone” of pure gold to his favorite servants, and the other servants of the building in envy would call them “Ruspanti”.

The coin was minted for the first time in 1724 at the decree of Grand Duke VII of Tuscany Gian Gastone de Medici, in pure 24 kt gold with a diameter of 27 mm.

Il Ruspone d'Oro fu uno degli ultimi numeri del Granducato di Firenze, Gian Gastone, che non lasciò alcun erede. Senza figlio e senza morale, la dinastia dei Medici cadde in disgrazia, un'epoca irripetibile per Firenze.

DISCOVER GOLD RUSPONE
mezzo zecchino half Gold florentine coin florin florence jewelry torrini

Mezzo Zecchino

Year 1726 – Mezzo Fiorino – Diameter18mm, Weight 1.74gr. – Unknown Mint Master – Period of Gian Gastone de Medici1723-1737.

The "half zecchino" or "half florin" also known as "half Ruspone" was coined in 1726 in pure gold by an unknown mint master. This coin has the particularity of portraying only the bust of SantJohn the Baptist and not the whole figure of the Saint as tradition dictates, making it particularly rare.

It was one of the most popular coins of the time thanks to the Grand Duke of Tuscany Gian Gastone de Medici who carried out an economic miracle for the benefit of Florence.

Nel 1427, Gian Gastone dichiarò la cessazione delle "Collezioni Universali", che richiedeva ai soggetti poveri di contribuire alla sovrabbondanza del Granducato.

DISCOVER GOLD FLORIN
gold florin coin florence torrini 1427

Gold Florin 1427

Year 1427 – Gold Florin (known as Large Florin) – Diameter 21mm, Weight 3.52gr. – Mint Master Antonio Canigiani.

Il periodo 1422-1459 definì il primo "Fiorino grande", in particolare nel 1427 la Repubblica di Firenze affidò la coniazione del Fiorino d'oro al Maestro della Zecca Antonio Canigiani.

The first time it was coined was in 1252 and it was worth the equivalent of 20 Florentine lire. The minting of this coin follows the historic event of the Florentine Republic’s purchase of the Port of Livorno for 100,000 of these Florins for two years. In 1427, Giovanni Averardo de Medici, father of the Great Cosimo, began his rise to popularity and political power.

In that year, the gold Florin was equivalent to 4 Florentine Lire with a difference of 3 Lire from the original parity of the past 175 years.

In the 60s of the 14th century after two decades of wars and suffering, the vitality of the Florentine Republic brought back a booming economy.

The issue of this coin takes place in a special year for Florence. The start of the construction of the Dome of the Cathedral that had bled the Republic’s finances.

The law for the land registry was promulgated, a revolution at the time of great social conflicts and taxation which earned the Republic 25,500 gold florins.

gold florin coin florence torrini 1256

Gold Florin 1256

Year 1256 – Gold FlorinDiameter 19.9mm, Weight 3.45gr. – Unknown Mint Master.

After the victory of the Florentines over the Pisans in Ponte a Serchio in 1256, to show off their achievement, they cut down a pine tree and placed it at the gates of Pisa with a gold Florin on top of the tree.

A symbol of their dominance and will to manage a profitable business towards the sea.

piastra gold florentine coin florin florence jewelry torrini

Gold Plate

Year 1572 – Gold Plate – Diameter 39mm, Weight 33.80gr. – Unknown MintMaster..

This coin indicates the emergence of the Grand Duke of Tuscany with the intense profile of Cosimo I de Medici on one side and the figure of Sant John the Baptist the Patron of Florence on the other side.

The Medici lineage ceased with Gian Gastone who perished on July 9, 1737 without leaving heirs. This coin was created in 1572 weighing one ounce with a diameter of 39 mm.

Uno degli ultimi numeri di Cosimo I per celebrare il suo prestigio e l'amore per le arti.

ongaro Livorno gold florentine coin florin florence jewelry torrini

Ongaro di Livorno

Year 1676 – Ongaro diLivorno – Diameter 23mm, Weight 4gr. approximately – Unknown Mint Master – Periodof Gian Gastone de Medici 1723-1737.

Moneta emessa da Cosimo III de Medici, Granduca di Toscana, per onorare la città di Livorno in favore di se stesso per dimostrare la sua potenza.

Il Fiorino d'Oro del 1369

Firenze nel 1369. Il Maestro della Zecca, Simone Peruzzi, coniò il Fiorino in oro puro nel periodo del "Fiorino sottile", motivo per cui la moneta aveva un diametro di 18 mm. Successivamente, la Repubblica Fiorentina decise di allargare il Fiorino d'oro a 21 mm di diametro, senza modificarne il peso, per dare più dimensione alla moneta. Nello stesso anno il nostro antenato, Jacopus della Scarperia, registrò il marchio storico Torrini presso l'Archivio di Stato di Firenze. Il Fiorino d'Oro segna la fine dei disordini finanziari e sociali che si erano verificati in precedenza a Firenze a causa di tragici eventi come la carestia e la peste nera. Un Fiorino d'oro per la speranza e la rinascita. Il suo valore è cresciuto negli anni del 30% rispetto alle monete usate normalmente e quotidianamente.

gold florin coin florence torrini 1369
Anno 1369 - Fiorino d'oro (detto Fiorino stretto) - Diametro 18mm, peso 3,50gr. - Maestro menta Simone Peruzzi.

Il Fiorino d'Oro del 1427

Il periodo 1422-1459 definì il primo "Fiorino grande", in particolare nel 1427 la Repubblica di Firenze affidò la coniazione del Fiorino d'oro al Maestro della Zecca Antonio Canigiani.

La prima volta che fu coniato fu nel 1252 e valeva l'equivalente di 20 lire fiorentine. La coniazione di questa moneta segue l'evento storico dell'acquisto da parte della Repubblica Fiorentina del Porto di Livorno per 100.000 di questi Fiorini per due anni. Nel 1427 Giovanni Averardo de Medici, padre del Grande Cosimo, iniziò la sua ascesa alla popolarità e al potere politico. In quell'anno il Fiorino d'oro equivaleva a 4 lire fiorentine con una differenza di 3 lire rispetto alla parità originale degli ultimi 175 anni. Negli anni '60 del XIV secolo, dopo due decenni di guerre e sofferenze, la vitalità della Repubblica Fiorentina riportò un'economia in piena espansione.

L'emissione di questa moneta avviene in un anno speciale per Firenze. L'inizio della costruzione della Cupola del Duomo che aveva dissanguato le finanze della Repubblica. Viene promulgata la legge per il catasto, una rivoluzione in un periodo di grandi conflitti sociali e fiscali che fa guadagnare alla Repubblica 25.500 fiorini d'oro.

gold florin coin florence torrini 1427
Anno 1427 - Fiorino d'oro (detto Fiorino Grande) - Diametro 21mm, peso 3,52gr. - Maestro della zecca Antonio Canigiani.

Il Fiorino d'Oro del 1256

Dopo la vittoria dei fiorentini sui pisani a Ponte a Serchio nel 1256, per sfoggiare la loro impresa, i fiorentini abbatterono un pino e lo collocarono alle porte di Pisa con un fiorino d'oro in cima all'albero. Un simbolo del loro dominio e della loro volontà di gestire un'attività redditizia verso il mare.

gold florin coin florence torrini 1256
Anno 1256 - Fiorino d'oro - Diametro19,9mm, peso 3,45gr. - Maestro di zecca sconosciuto.

Quartiere di Florin

Il Quartiere di Florin fu coniato da un Maestro della Zecca alla fine del XIV secolo e continuò ad essere utilizzato dalla Repubblica di Firenze fino all'inizio del XV secolo. Questa moneta fu creata quando la Moneta d'Oro Fiorentina del 1252 aveva raddoppiato il valore della Lire. In questo periodo Carlo di Valois espulse Dante Alighieri dal territorio della Repubblica Fiorentina.

Dopo la grave carestia e la peste nera della prima metà del XIV secolo, che decimò la popolazione di Firenze, il quartiere di Florin rappresenta la crescita delle attività economiche legate alla lana, ai consumi e agli investimenti in Arte.

gold florentine coin florence jewelry quarter florin torrini
Fine del XIV secolo -QuarterofFlorin - Diametro 12mm, peso 0,83gr. - Maestro di zecca sconosciuto.

Doppio Fiorino d'Oro

In 1504, the Master of MintLorenzo Guidetti coined the "Double Gold Florin”. The Secretary of the Florentine Republic was Niccolò Machiavelli; establishing monetary tensions of that period that lead to the end of the Republic and the rise to power of the Medici family. In 1504, the gold Florin was equivalent to over 5 Lire and this double gold Florin partially covered Florence's incessant need for capital. Pope Leo X disbursed half a million gold florins for the war against the Duke of Urbino in order to favor Lorenzo "Il Magnifico" de Medici. The "Double Gold Florin" was a coin minted in pure gold with a 28 mm diameter.

gold florin coin florence torrini 1427
Anno 1500/1505 - Doppio Fiorino d'Oro - Diametro 28mm, peso 6,98gr.- Menta Maestro Lorenzo Guidetti.

Placca d'oro e d'argento

Questa moneta indica la nascita del Granduca di Toscana con l'intenso profilo di Cosimo I de Medici da un lato e la figura di San Giovanni Battista patrono di Firenze dall'altro. Il lignaggio mediceo cessa con Gian Gastone che perisce il 9 luglio 1737 senza lasciare eredi. Questa moneta fu creata nel 1572 del peso di un'oncia con un diametro di 39 mm.

Uno degli ultimi numeri di Cosimo I per celebrare il suo prestigio e l'amore per le arti.

piastra gold florentine coin florin florence jewelry torrini
Anno 1572 - Placca in oro e argento - Diametro argento40mm, peso 32,60gr. Diametro oro 39mm, peso 33,80gr. - MintMaster sconosciuto.

Il Mezzo Zecchino

Il "mezzo zecchino" o "mezzo fiorino" detto anche "mezzo Ruspone" fu coniato nel 1726 in oro puro da un maestro di zecca sconosciuto. Questa moneta ha la particolarità di raffigurare solo il busto di San Giovanni Battista e non l'intera figura del Santo come vuole la tradizione, il che la rende particolarmente rara. Fu una delle monete più popolari dell'epoca grazie al Granduca di Toscana Gian Gastone de Medici che compì un miracolo economico a favore di Firenze.

Nel 1427, Gian Gastone dichiarò la cessazione delle "Collezioni Universali", che richiedeva ai soggetti poveri di contribuire alla sovrabbondanza del Granducato.

mezzo zecchino half Gold florentine coin florin florence jewelry torrini
Anno 1726 - Mezzo Fiorino - Diametro 18mm, peso 1,74gr. - Maestro di zecca sconosciuto - Periodo di Gian Gastone de Medici1723-1737.

Il Ruspone d'Oro

L'estinzione della famiglia Medici con l'ultimo discendente, Gian Gastone, è rappresentata con questa moneta, chiamata il "Giglio Fiorito" o "Fiorino d'oro di tre" più comunemente chiamato "Ruspone". Questa moneta ha una storia curiosa: ogni fine settimana Gian Gastone regalava un "Ruspone" d'oro zecchino ai suoi servi preferiti, e gli altri servi del palazzo invidiosi li chiamavano "Ruspanti". La moneta fu coniata per la prima volta nel 1724 per decreto del Granduca VII di Toscana Gian Gastone de Medici, in oro zecchino 24 kt di diametro 27 mm.

Il Ruspone d'Oro fu uno degli ultimi numeri del Granducato di Firenze, Gian Gastone, che non lasciò alcun erede. Senza figlio e senza morale, la dinastia dei Medici cadde in disgrazia, un'epoca irripetibile per Firenze.

ruspone gold florentine coin florin florence jewelry torrini
Anno 1724 - Fiorino Gigliato (detto Ruspone) - Diametro 27mm, peso 10,46gr. - Sconosciuto MintMaster - Periodo di Gian Gastone de Medici 1723-1737

Ongaro di Livorno

Moneta emessa da Cosimo III de Medici, Granduca di Toscana, per onorare la città di Livorno in favore di se stesso per dimostrare la sua potenza.

ongaro Livorno gold florentine coin florin florence jewelry torrini
Anno 1676 - Ongaro diLivorno - Diametro 23mm, peso 4gr. circa - Maestro di zecca sconosciuto - Periodof Gian Gastone de Medici 1723-1737.

Moneta Fiorentina d'Argento

Queste monete fiorentine hanno segnato la crescita dell'economia fiorentina, creando un sistema economico complesso. Infatti, l'uso delle monete d'oro era riservato ai ricchi signori della città, chiamati anche "Popolo Ricco", che si scambiavano una grande quantità d'oro per i loro scopi di potere.

Grosso da due soldi

Il "Grosso da Due Soldi" fu coniato da un maestro di zecca sconosciuto durante il periodo della Repubblica di Firenze con un diametro di 21 mm in argento. Si potrebbe dire che questo coniatore fu testimone della fine inquieta del XIII secolo e rappresentò il potere dell'individualismo e provocò il papa Bonifazio VIII a proclamare Firenze come il quinto elemento. I potenti dell'epoca avevano bisogno del sostegno delle banche fiorentine per i loro affari personali e cercavano in tutti i modi di abbellirle. Questo fatto storico è documentato nel dipinto di Jacopo Ligozzi collocato in Palazzo Vecchio.

Anno 1296 - Grosso da Due Soldi in argento - Diametro 21 mm, peso 3gr. circa - Maestro di zecca sconosciuto - Periodo del Papa Bonifacio VIII

Grosso Guelfo

The “Grosso Guelfo” was minted in 1478 representing a historical event, the Pazzi conspiracy. A conspiracy hatched by the Florentine family of bankers, de Pazzi, with the aim of breaking the dominion of the Medici’s through the support of the papacy and other external subjects. On this occasion Lorenzo lost his brother Giuliano, stabbed inside the cathedral of Florence, and for revenge he arrested all the members of the Pazzi family and publicly tried them with the death penalty. "Your name will be mocked by everyone and everyone will use your name as a synonym of madness," said Lorenzo de 'Medici mocking the conspirators. From this moment on, the Lord of Florence came out bigger than before and will be known with the nickname "The Magnificent".

Anno 1478 - Grosso Guelfo in argento - Diametro 23mm, peso 2,35gr. - Maestro menta Bertoldo Corsini.

Quinto di scudo

Il conio del Quinto di Scudo coincide con il periodo in cui Raffaello, poco più che ventenne, soggiorna a Firenze. Venne nella culla del Rinascimento per studiare e fare esperienza.

Anno 1506 - Quinto di scudo - Diametro. 28,7mm, peso 7,72gr. - Maestro di zecca Francesco Davanzati.

Fiorino di Stella

Nel 1252, il fiorino con la figura di San Giovanni Battista da un lato e dall'altro il giglio aveva cominciato ad essere emesso, diventando, in brevissimo tempo, la moneta di scambio preferita in tutta Europa.

Anno 1250/60 - Fiorino di stella in argento - Diametro 20,2mm, Peso 1,60gr. - UnknownMint Master.

"Torrini e il fiorino"

Nel 1369 il nostro antenato Jacopus de la Scarperia registrò il marchio della Bottega Torrini presso l'Arte dei Corazzai e Spadai di Firenze. Nello stesso anno il Maestro zecca Simone Peruzzi incise una nuova zecca per il fiorino d'oro. La moneta che nasce sulla base della ricchezza e del successo economico di Firenze, seguendo lo sviluppo della città fino alla caduta della Repubblica nel 1533.

"San Giovanni non vuole inganni".

Un detto popolare "San Giovanni non vuole inganni", è un proverbio religioso, diffuso e usato quotidianamente in Italia, dove il suo significato varia da regione a regione. Si pensa che a Firenze il detto derivi dal fiorino. Come accennato in precedenza, uno dei lati del fiorino reca l'elegante Giglio Fiorentino, mentre l'altro lato presenta il patrono di Firenze, San Giovanni Battista. Avere il patrono sul rovescio della moneta era considerato una garanzia della purezza della moneta d'oro. Considerare di falsificare il fiorino sarebbe un grave crimine contro il Comune di Firenze e anche contro Dio per aver tentato di rubare direttamente a un Santo.

"Un fiorino d'oro oggi, mille domani"

Tradizionalmente a Firenze, il fiorino era dotato in occasione della nascita di un ragazzo o di una ragazza. Nel 1300 il fiorino in oro zecchino aveva un grande valore, rappresentando una vera e propria dote per il bambino e la figura del patrono della città a tutela della vita del bambino. La famiglia si riuniva intorno al bambino e il padre sistemava la moneta in mano al bambino. Se il bambino riusciva istintivamente ad aggrapparsi alla moneta, era considerato un promettente segno di ricchezza. Ancora oggi la tradizione è molto diffusa nella cultura fiorentina. Donare un fiorino d'oro come segno di buona fortuna è sempre apprezzato. Soprattutto in occasione di battesimi o altre occasioni importanti come comunioni, cresime, matrimoni, anniversari o feste di laurea. Accompagnato dal desiderio di "Un fiorino d'oro oggi, mille domani".

Collezione Oro Fiorentino

scopri di più